ALIMENTAZIONE E SALUTE DELLE OSSA

“Il ruolo dell’alimentazione per la nostra salute”

Il Calcio nell’Osteoporosi 

Il Calcio nell’Osteoporosi gioca un ruolo fondamentale, però il suo consumo spessissimo è sopravvalutato ed è quasi sempre abusivo. Molte persone in età avanzata, ad esempio, presentano eccessivi depositi di calcio nelle articolazioni, nei tessuti molli in special modo nelle arterie coronariche (che può portare all’indurimento delle stesse con tutti i rischi e le conseguenze che ne seguono), mentre nelle ossa questo minerale continua ad essere di fatto carente. Il loro organismo è quindi ricco, sì, di calcio, ma non in una forma che possa essere trattenuta nelle ossa, ossia non è a bersaglio, poiché manca la sua combinazione con altri nutrienti essenziali; questo fenomeno è chiamato non-biodisponibilità.

Siete a conoscenza del famoso Paradosso del Calcio?
In realtà nei paesi occidentali, specialmente in quelli mediterranei, non vi è una vera necessità di supplementazione di calcio, in quanto abbiamo tutto il calcio di cui abbiamo bisogno ed anche di più, grazie al tipo di alimentazione. Ciò può essere testato grazie ad un esame che si chiama 
Analisi Minerale Tissutale, che ci da’ un’immagine reale del metabolismo cellulare, vale a dire, ciò che la cellula è in grado di metabolizzare. Infatti, è poco importante la disponibilità di nutrienti in circolo non facenti parte del metabolismo cellulare.

Altri minerali essenziali per l’Osteoporosi: l’”Effetto Orchestra”

Nel caso di cui sopra, l’aumento dell’assunzione di calcio non darà effetti benefici, anzi sono potenzialmente pericolosi. Per far sì che il Calcio si fissi nelle ossa sono richiesti altri importantissimi, se non fondamentali, nutrienti.
Ad esempio, importantissimi sono gli Oligoelementi, Manganese, Zinco e Boro che svolgono una funzione vitale nella prevenzione dell’Osteoporosi. Da non dimenticare, fra l’altro, l’importanza del Rame, richiesto per mantenere il calcio nelle ossa, e il Magnesio che gioca anche esso un ruolo primario nel regolare attivamente il trasporto di calcio.
Dunque, è chiaro che i minerali non agiscono da soli, ciò che veramente conta nella biochimica dell’organismo sono i rapporti tra di loro, svolti come strumenti di una grande orchestra metabolica, e giammai come singoli strumenti che suonano da soli. I singoli minerali funzionano al meglio grazie al cosiddetto ”Effetto Orchestra” che soltanto la Natura conosce e ci può donare e che nessuna molecola di sintesi potrà mai lontanamente imitare.
Da ciò si può evincere che qualsiasi tipo di minerale o vitamina, in forma singola o associata, funziona soltanto se è in relazione con altri minerali, vitamine, enzimi e oligoelementi. Sia ben chiaro di non confondere l’”Effetto Orchestra”, donato dalla natura in forma di frutta e verdura, con i complessi multiminerali e multivitaminici disponibili in commercio. La differenza principale è che gli alimenti in natura sono biodisponibili, cioè, hanno la capacità di essere assorbiti totalmente dall’organismo.
Mentre alcune delle note dolenti dei multi-integratori comunemente trovati in commercio è la scarsissima biodisponibilità dei nutrienti, semplicemente perché le sostanze, con cui si fanno gli integratori, sono separate dal loro ambiente naturale e frammentate in maniera artificiale. Infatti, una vitamina “naturale” non ha significato perché l’integrità del suo ambiente non esiste più; perciò nell’organismo il suo effetto può essere, se non innocuo, offensivo alla salute.

Enzimi e Calcio


“L’importanza dell’Enzima per l’assimilazione del Calcio”

Gli Enzimi sono molecole proteiche, presenti principalmente in frutta e verdura, che promuovono, catalizzano e velocizzano quasi tutte le reazioni chimiche che avvengono nella cellula. Se non vi fossero gli enzimi non sarebbe possibile la vita. La presenza di alcuni enzimi riduce alcuni tempi di reazione chimica da 19 anni ad 1 minuto.
L’assenza di minerali inattiva gli enzimi relativi, causando malattie e malfunzionamento degli organi. Ecco l’insorgere di tante patologie a livello biochimico, tra le quali, 
l’Osteoporosi. In poche parole, gli enzimi specifici portano a bersaglio, in questo caso nelle ossa, i nutrienti essenziali per prevenire e risolvere il problema dell’Osteoporosi e le sue gravi conseguenze. 

Una delle perdite minerali più importanti è quella del 
Calcio. Questa deficienza deve essere compensata dalla riserva corporale di calcio che è ottenuta dalle ossa. Le ossa deficienti stanno ad un passo dall’Osteoporosi.
Altre sostanze degli alimenti, tali come vitamine e minerali, sono rimesse giornalmente nei nostri pasti. Però, non si da’ attenzione sufficiente all’alimentazione cruda per rifornirci di supplementi vitali come gli enzimi. Se noi non riforniamo il nostro livello enzimatico e consideriamo soltanto le vitamine e minerali, ci sconfiggiamo da noi stessi.
Il corpo deve rimpiazzare gli enzimi dall’interno di se stesso, sottraendo enzimi da tutte le parti del corpo – il che alla fine causa esaurimento e invecchiamento prematuro, abbassando il sistema energetico.

L’utilizzo di vitamine e minerali dipende dagli enzimi, e gli enzimi dalle vitamine e minerali

[ Art. del Dott. Giovanni Turchetti liberamente tratto dal sito http://www.osteopata.it ]

Check Also

L’ESSENZA DELLA VITA

GLI ENZIMI  Il nostro corpo compie quotidianamente oltre 200 milioni di processi biochimici; ogni singolo …