GARCINIA (Azione dimagrante)

GARCINIA
(Garcinia cambogia)

FAMIGLIA: Guttiferae garcinia
HABITAT: diffusa nell’India centro-meridionale, in particolare nelle regioni costiere.
PARTE USATA: la buccia dei frutti.
PREPARAZIONI FARMACEUTICHE CONSIGLIATE: estratto secco nebulizzato e titolato in acido idrossicitrico min 50% (Farmacopea Francese X). La sua dose giornaliera va da 10 a 15 mg. per kg di peso corporeo, suddivisi in due somministrazioni preferibilmente lontano dai pasti.
COMPOSIZIONE CHIMICA: il costituente principale è l’acido idrossicirico o idrossicitrato.
PROPRIETÀ TERAPEUTICHE: è una pianta che viene correntemente utilizzata a scopo dimagrante. L’acido idrossicitrico inibisce nettamente l’azione dell’enzima citrato-liasi, che trasforma i carboidrati non consumati in grassi, e quindi limita molto l’immagazzinamento di calorie sotto forma di grassi di deposito, che si accumulano soprattutto nel tessuto adiposo sottocutaneo e che sono i principali responsabili dell’aumento del peso corporeo. Inoltre stimola la sintesi epatica di glicogeno a partire dal glucosio, con aumento del deposito di questo zucchero di riserva nel fegato e nei muscoli. Il cervello, informato dell’aumento dei depositi di glicogeno nel fegato, reagisce inibendo il nucleo della fame e stimolando invece quello della sazietà, poichè ciò significa che le riserve di energia dell’organismo sono state ricostituite e quindi non è più necessario introdurre altro cibo. Questo effetto della garcinia sul senso di fame non è però costante ed uguale in tutti i soggetti.E’ stato fatto uno studio clinico su 89 donne in sovrappeso, cui veniva prescritta una dieta ipocalorica abbinata a 2,4 g al giorno di estratto secco titolato di garcinia o un placebo per bocca per un periodo di 12 settimane. La valutazione era fatta misurando la composizione corporea tramite elettrolipografia computerizzata, il peso corporeo e l’intensità del senso di fame prima della terapia e al termine della stessa. Si è notato che la perdita di peso al termine dello studio era di 3,7 kg nei pazienti del gruppo garcinia e di 2,4 in quelli trattati col placebo, ma la sensazione di fame non era differente tra i due gruppi. Lo studio conclude quindi che questa pianta favorisce il dimagramento ma non sembra avere effetti rilevanti sul senso di fame.

  • Indicazioni principali: sovrappeso e/o obesità.
  • Azione prevalente: dimagrante.

EFFETTI COLLATERALI: nessuno degno di nota.
CONTROINDICAZIONI: non note.
INTERAZIONI CON FARMACI: non note.
DATI TOSSICOLOGICI: Ad animali da esperimento sono state somministrate dosi di 2 g. per kg di peso per periodi di tempo pari a 60 e a 90 giorni, senza che si siano verificati effetti collaterali degni di nota.

Check Also

PSILLIO (Azione lassativa di tipomeccanico-osmotico).

PSILLIO (Plantago psyllium) FAMIGLIA: Plantaginaceae HABITAT: originaria del bacino del Mediterraneo e del Medio Oriente, specie in …