SALICE (Azione anti-infiammatoria, antidolorifica).

SALICE
(Salix alba)

 

FAMIGLIA: Salicaceae 

HABITAT: tipico delle zone umide e paludose di tutta l’Europa continentale.
PARTE USATA: la corteccia.
PREPARAZIONI FARMACEUTICHE: estratto secco nebulizzato e titolato in acido salicilico min. 4% (Farmacopea Francese), la cui dose giornaliera va da 9 a 11 mg per kg di peso corporeo, suddivisa in due somministrazioni meglio se dopo i due pasti principali.
COMPOSIZIONE CHIMICA: contiene dei salicilati, il principale dei quali è la salicina. Contiene inoltre dei flavonoidi e un po’ di olio essenziale.
PROPRIETÀ TERAPEUTICHE: Azione antireumatica: questa pianta è tradizionalmente utilizzata per le sue proprietà anti-infiammatorie, antifebbrili e antidolorifiche, legate al suo contenuto in salicilati. Viene infatti usata nel trattamento sintomatico delle manifestazioni dolorose articolari e muscolari, negli stati febbrili, nelle malattie da raffreddamento in genere e come antidolorifico in caso di cefalea, dolori dentari e dolori mestruali.
Le sue azioni antidolorifica e antifebbrile sono dovute al blocco della sintesi di sostanze che favoriscono l’infiammazione per interferenza con gli enzimi destinati a produrle.
E’ stato fatto uno studio clinico per valutare l’effetto dell’estratto secco titolato di salice in pazienti con osteoartrite. Un gruppo di 78 soggetti con questa malattia assumeva per bocca un estratto secco di salice titolato in salicina al 50% capace di fornire 240 mg al giorno di salicina o un placebo per un periodo di 2 settimane. La valutazione era fatta tramite dei test specifici e una scheda di valutazione compilata sia dal paziente sia dal medico sperimentatore. Al termine del trattamento il punteggio dei test era migliorato del 14% nel gruppo salice ed era peggiorato del 2% nel gruppo placebo. Anche il risultato delle schede di autovalutazione era nettamente migliore nei pazienti del gruppo salice.
E’ stato fatto uno studio clinico su 120 pazienti con lombalgia (mal di schiena), che ricevevano per bocca un estratto secco titolato di salice capace di fornire 120 o 240 mg di salicina al giorno o un placebo per 4 settimane. La valutazione era fatta ricorrendo alla scala sintomatologica con punteggio da 1 a 10. Al termine del trattamento nel gruppo salice trattato con 240 mg di salicina il 39% dei pazienti mostrava assenza di sintomi, mentre questa percentuale scendeva al 15% nel gruppo che riceveva 120 mg di salicina e al 6% nel gruppo placebo. Un buon numero di pazienti del gruppo placebo necessitava sporadicamente di tramadolo, un antidolorifico di sintesi, per calmare il dolore, mentre i soggetti del gruppo salice ricorrevano al farmaco molto più raramente. Un solo paziente del gruppo trattato con 240 mg di salicina ha avuto una reazione allergica cutanea, e non sono stati registrati altri effetti collaterali.

  • Indicazioni principali: malattie artroreumatiche, sintomatico nelle malattie da raffreddamento delle prime vie aeree.
  • Azione prevalente: anti-infiammatoria e antidolorifica.
  • Altre azioni: antiaggregante piastrinica,

EFFETTI COLLATERALI: non sono noti effetti collaterali rilevanti.
CONTROINDICAZIONI: Va dato con cautela in pazienti allergici ai salicilati. Per prudenza non è consigliabile in gravidanza e durante l’allattamento.
INTERAZIONI FARMACOLOGICHE: non note.
DATI TOSSICOLOGICI: la dose letale per bocca nel ratto è superiore a 2 g per kg di peso.

Check Also

ZENZERO (Azione antinausea e antivolmito).

ZENZERO (Zingiber officinalis) FAMIGLIA: Zingiberaceae HABITAT: originario dell’India, è attualmente coltivato nel sud-est asiatico, nel sud della …