TIGLIO (Azione sedativa e spasmolitica viscerale).

TIGLIO
(Tilia tomentosa)

FAMIGLIA: Tiliaceae 

HABITAT: tutta l’Europa.
PARTE USATA: i fiori con le brattee e la parte della corteccia detta alburno.
PREPARAZIONE FARMACEUTICA CONSIGLIATA: l’estratto secco titolato in flavonoidi totali min. 1% (Farmacopea Francese X), La sua dose giornaliera è di 12-13 mg. per kg di peso corporeo, suddivisa in due o tre somministrazioni preferibilmente lontano dai pasti.
COMPOSIZIONE CHIMICA: è ricco di flavonoidi e di cumarine. Contiene anche un po’ di olio essenziale, che conferisce alla pianta il suo odore caratteristico, e una mucillagine altamente idrofila. Vi sono anche acidi caffeico, clorogenico e cumarico, vitamina C e una certa quantità di tannini.
PROPRIETÀ TERAPEUTICHE: Azione sul sistema nervoso centrale: Ha una discreta azione sedativa a livello cerebrale, utile soprattutto nei soggetti ansiosi, ipereccitabili e con sintomi legati alla somatizzazione dell’ansia a livello dello stomaco e dell’intestino.
Il fitocomplesso di questa pianta è in grado di legarsi ai recettori per le benzodiazepine presenti nel cervello, e ciò spiega la sua azione sedativa e ansiolitica.
A tale scopo studi fatti nel ratto hanno dimostrato che sostanze presenti in questa pianta, probabilmente di natura flavonoidica, si legano ai recettori cerebrali per le benzodiazepine, determinando un netto effetto ansiolitico negli animali, ma senza causare effetti negativi sulla loro capacità di muoversi. La sua azione sedativa è particolarmente utile nel bambino, data l’assenza di effetti collaterali documentati. Non provoca sonnolenza durante le ore del giorno né assuefazione.
Azione antispasmodica viscerale: la sua attività in soggetti con somatizzazione dell’ansia a livello dello stomaco e dell’intestino è dovuta soprattutto ad un’azione antispastica sulla muscolatura liscia di questi organi. Tale azione è dovuta soprattutto ad un ostacolo alla penetrazione del calcio a livello della muscolatura liscia viscerale, dovuta principalmente all’olio essenziale. Inoltre le mucillagini di cui il tiglio è ricco si stratificano sulla mucosa intestinale, proteggendola dal contatto con le sostanze irritanti.

  • Indicazioni principali: disturbi da somatizzazione dell’ansia a livello addominale, nervosismo e irritabilità.
  • Azione prevalente: sedativa e spasmolitica viscerale.

EFFETTI COLLATERALI: in pazienti sensibili può provocare reazioni allergiche cutanee a tipo orticaria.
CONTROINDICAZIONI: nessuna degna di nota.
INTERAZIONI CON FARMACI: non note.
DATI TOSSICOLOGICI: la dose letale per bocca nel ratto è indeterminabile, confermando la scarsissima tossicità di questa pianta.

Check Also

ZENZERO (Azione antinausea e antivolmito).

ZENZERO (Zingiber officinalis) FAMIGLIA: Zingiberaceae HABITAT: originario dell’India, è attualmente coltivato nel sud-est asiatico, nel sud della …