TIMO (Azione anti-infettiva e contro l’acne giovanile).

TIMO
(Thymus vulgaris e serpyllum)

FAMIGLIA: Lamiaceae 

Thyme isolated on white background. Macro

HABITAT: diffuso in tutto l’emisfero boreale, nelle regioni a clima temperato.
PARTE USATA: la pianta fiorita.
PREPARAZIONI FARMACEUTICHE CONSIGLIATE: Una forma farmaceutica valida è l’estratto secco titolato in olio essenziale min. 1,2% e in fenoli volatili espressi in timolo min. 5% (Farmacopea Francese X). La sua dose giornaliera è di 8-10 mg. per kg di peso corporeo, suddivisa in due o tre somministrazioni preferibilmente lontano dai pasti.
COMPOSIZIONE CHIMICA: la Farmacopea francese prescrive che la pianta deve avere un contenuto di fenoli (essenzialmente timolo e carvacrolo) superiore a quello del linalolo. Mediamente questa pianta contiene il 40% di timolo, l’1,1% di carvacrolo e il 5,9% di linalolo.
PROPRIETÀ TERAPEUTICHE: Azione anti-infettiva: l’olio essenziale possiede proprietà antibatteriche ben dimostrate contro molti tipi di batteri, dovute essenzialmente ai fenoli e in particolare al timolo e al carvacrolo, e non ai terpeni. Tutti i germi esposti all’olio essenziale di timo erano distrutti con una concentrazione di questo olio di circa l’1%, con massima attività alla temperatura di 35°C e con calo progressivo dell’azione scendendo verso i 5°C. Questa azione è essenzialmente di tipo battericida, ossia capace di distruggere i germi, in particolare alle concentrazioni più elevate. Possiede anche attività fungicida, in particolare su molti funghi dello strato superficiale della pelle e sulla Candida albicans.

  • Azione antiradicalica: possiede azione protettiva contro i danni da radicali liberi, legata sia all’olio essenziale sia ai flavonoidi. Questa azione protettiva è presente anche a concentrazione molto basse. Gli acidi grassi poli-insaturi (PUFA), fondamentali per il benessere delle cellule, negli animali anziani subiscono una notevole riduzione dei loro livelli nei tessuti, con le conseguenti alterazioni dell’integrità e della funzionalità dei tessuti stessi. La somministrazione di olio essenziale di Timo si è dimostrata capace di ostacolare il calo dei PUFA nel fegato e nella retina dovuto all’età. Indicazioni principali: malattie da raffreddamento delle prime vie aeree, infezioni della bocca, micosi cutanee superficiali, acne giovanile.
  • Azione prevalente: anti-infettiva.
  • Altre azioni: anti-infiammatoria, antiossidante/antiradicalica.

EFFETTI COLLATERALI: a dosi elevate può provocare nausea, vomito, rallentamento del battito cardiaco, astenia, respirazione difficoltosa e diminuzione della temperatura corporea. Tali sintomi scompaiono con la sospensione della terapia. In pazienti sensibili può provocare reazioni allergiche cutanee di tipo orticarioide.
CONTROINDICAZIONI: Non usare in gravidanza, durante l’allattamento e nel bambino al di sotto dei 10 anni di età.
INTERAZIONI CON FARMACI: non note.
DATI TOSSICOLOGICI: la dose letale per bocca nel ratto dell’estratto secco titolato in essenza è superiore a 2 g per kg di peso.

 

Check Also

ZENZERO (Azione antinausea e antivolmito).

ZENZERO (Zingiber officinalis) FAMIGLIA: Zingiberaceae HABITAT: originario dell’India, è attualmente coltivato nel sud-est asiatico, nel sud della …